Roberto Esposito

Editore: Einaudi
Collana: Piccola Biblioteca Einaudi
Anno edizione: 2018
Pagine: 200 pp.

Il libro ricostruisce la genealogia del reciproco avvitamento tra negazione e politica. Il primo capitolo percorre l’intensificazione della categoria di negazione nel pensiero di cinque intellettuali di diversa formazione – Schmitt, Saussure, Freud, Heidegger e Kojève. Il secondo capitolo analizza la piega negativa di alcune tra le fondamentali categorie politiche moderne – quelle di sovranità, proprietà, libertà, popolo. Ciascuna di esse è stata costruita non in forma positiva, ma come l’esito della negazione del proprio opposto. Il capitolo conclusivo propone una possibile nozione affermativa di politica, intesa non come rimozione del negativo, ma come sua riconversione nei termini positivi della “differenza”, della “determinazione” e dell'”opposizione”. Gli autori da cui muove il discorso sono soprattutto Spinoza, Nietzsche e Deleuze, interpretati spesso non secondo la loro ricezione abituale e ricondotti all’orizzonte di pensiero elaborato dall’autore in questi anni.